CASA EDITRICE

La piccola editoria cosiddetta perché nasce e si sviluppa in realtà culturali circoscritte, fonda la propria attività sulla disponibilità a seguire passo passo la creazione di opere letterarie a caratterizzazione varia (libri di narrativa e poesia, ristampe anastatiche e volumi d'arte). Vedono la luce, in tal modo, creazioni che acquistano un significato piú specifico nel contesto provinciale o regionale in cui originano e vengono principalmente distribuiti [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
CATALOGO
HOME
Cristina Trivulzio
e le sue lettere a Jules Mohl

Anno: 2021
Pagine: 248
ISBN: 9788867772902
Stato: Disponibile

15,00 €
>

Non una semplice biografia, non un approfondimento, non una mera indagine: Mino Rossi in questa opera si pone l’obiettivo di portare alla luce la Prima Donna d’Italia, così come la definì Carlo Cattaneo. Del resto, parte tutto dalla domanda che l’autore si pone: «E noi?». Come la ricordiamo la patriota, scrittrice Cristina Trivulzio, principessa di Belgiojoso? Citando Mino Rossi: «Non soltanto l’abbiamo dimenticata, ma stiamo operando per la sua totale cancellazione, scrivendo poietiche fantasie, con l’effetto di coprire la sua memoria di variopinti logori stracci di Arlecchino, mentre si danzano squallidi minuetti, su musiche fasulle e stonate, celebrando feste mondane e galanti, inventate da pseudo storici e da lei non vissute». Restituire la sfaccettata, profonda, appassionata immagine a questa incredibile donna non è solo un obiettivo, ma una missione. Mino Rossi lo sa bene e la sua penna scivola densa e colma di attento trasporto. Attento perché l’entusiasmo non rompe mai gli argini di un’equilibrata indagine storica, politica, sociale e umana, partendo proprio dagli scritti di Cristina. E ancora l’autore si esprime nel suo massimo intento: «Ho affrontato questo scritto mosso da un sentimento di rispetto verso una persona, una Donna, che non ha esitato a porre in gioco se stessa, la sua vita, la sua bellezza, il suo patrimonio, per affermare, in un momento storico caratterizzato dalla presenza di forze totalitarie e dispotiche, la libertà di pensare come retaggio proprio e tipico dell’essere umano, combattendo forze contrarie, ben superiori di forze e di numero».

VEDI ANCHE

L'uomo di pietra
2015
9788867770946

20,00 €

Aforismi sussurrati
2007
9788888507323

8,00 €

Dietro il ponte c'è un cimitero
2008
9788895839226

10,00 €

Elihu - quarta parte
2015
9788867771066

13,00 €

Riflessi
2013
9788867770250

20,00 €