LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
Atteggiamento sospetto
NARRATIVA - AGOSTO 2008

«Mi rendevo conto che c'era un demone in me che gioiva nel vedere le persone per quello che erano, e sempre di più, sempre di più». Così Fleur Talbot rievoca per noi gli albori del suo talento letterario negli anni del dopoguerra londinese, quando, giovane e «piena di gaudio», scriveva il suo primo libro, Warrender Chase. Insieme a lei partecipiamo ...

«Mi rendevo conto che c'era un demone in me che gioiva nel vedere le persone per quello che erano, e sempre di più, sempre di più». Così Fleur Talbot rievoca per noi gli albori del suo talento letterario negli anni del dopoguerra londinese, quando, giovane e «piena di gaudio», scriveva il suo primo libro, Warrender Chase. Insieme a lei partecipiamo alle riunioni dell'Associazione Autobiografica, dove lavora come stenografa alle dipendenze dell'anziano e altezzoso Sir Quentin. I soci leggono al gruppo le proprie memorie, che Fleur, al momento della battitura, arricchirà di dettagli scabrosi. Dal canto suo Sir Quentin si premura di conservare i fascicoli sottochiave per ignoti, forse sordidi, usi futuri.
Ma com'è possibile che intanto Sir Quentin vada somigliando sempre più a Warrender Chase? O è Warrender Chase a precorrere misteriosamente, tappa per tap­pa, quel che accade a Sir Quentin? «Mi sembrava improbabile che il mio romanzo potesse entrare con tanta invadenza nella mia vita» racconta Fleur. Eppure anche noi, increduli, siamo già entrati in un labirinto dove creazione e realtà si specchiano con vertiginosa simmetria - e ci rendiamo conto che in nessun altro romanzo Muriel Spark ha scavato così a fondo nell'essenza della propria arte, regalandoci se stessa con tanta generosità.