LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
Primo amore
NARRATIVA - GIUGNO 2008

Sono tanti i motivi per cui il primo amore non si scorda mai. Il primo bacio, il primo palpito del cuore, la prima volta che tutto l'universo sembra meraviglioso e a tua completa disposizione, la prima volta che ci si stacca dai genitori e, in fondo in fondo, non se ne sente la mancanza. Il primo amore di Angela Liso è durato dieci anni...

Sono tanti i motivi per cui il primo amore non si scorda mai. Il primo bacio, il primo palpito del cuore, la prima volta che tutto l'universo sembra meraviglioso e a tua completa disposizione, la prima volta che ci si stacca dai genitori e, in fondo in fondo, non se ne sente la mancanza. Il primo amore di Angela Liso è durato dieci anni. E in un tempo così lungo è stato prima gioco, simpatica follia, attrazione, scontro con mamma e papà. Poi è diventato sentimento vero, scelta di tutta una vita e quindi impastato di gioia e di lacrime. Angela ha messo nero su bianco la storia di due ragazzi di Andria che si incontrano, imparano ad amarsi e che, spinti dalla infuocata passione per il cinema, decidono di avventurarsi a Roma per inseguire i loro sogni. Pur negli inevitabili alti e bassi di un rapporto di tale durata, A' e Rì scoprono di non poter fare a meno l'uno dell'altra e con grande sacrificio riescono a ricavarsi uno spazio intimo ed esclusivo anche quando arrivano la svolta professionale e la celebrità. "Primo amore" è un diario per frammenti di quest'esperienza. Una storia coinvolgente e divertente, felice e tormentata, che ha toccato picchi di felicità e abissi di disperazione. E anche se manca il lieto fine, è una storia che vale la pena raccontare perché ha trasformato una ragazzina in una donna. Perché dell'amore non si butta via niente.