LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
LA CAMPANA D'ISLANDA

È il periodo più buio della storia d'islanda, soggiogata dal regno danese e martoriata dalle carestie, quando un giorno d'estate di fine seicento il boia del re, su ordine di copenaghen, porta via l'antica campana di þingvellir, che da sempre veglia sulle assemblee dell'alkingi e sulla vita della nazione, e poi viene trovato morto. Comincia così la picaresca avventura del contadino jón hreggviðsson, povero diavolo e irriducibile canaglia, zotico e poeta abituato ad affrontare ogni avversità declamando versi arguti e rievocando le gesta dei suoi avi vichinghi, che si ritrova accusato di omicidio...

È il periodo più buio della storia d'islanda, soggiogata dal regno danese e martoriata dalle carestie, quando un giorno d'estate di fine seicento il boia del re, su ordine di copenaghen, porta via l'antica campana di þingvellir, che da sempre veglia sulle assemblee dell'alkingi e sulla vita della nazione, e poi viene trovato morto. Comincia così la picaresca avventura del contadino jón hreggviðsson, povero diavolo e irriducibile canaglia, zotico e poeta abituato ad affrontare ogni avversità declamando versi arguti e rievocando le gesta dei suoi avi vichinghi, che si ritrova accusato di omicidio. Pedina di una partita fra intrighi politici e ideali più grandi di lui, jón intreccia la sua sorte a quella dell'amore impossibile tra la bellissima snæfríður «sole d'islanda» e l'erudito arnas arnaeus: lei ambita figlia di un potente eppure inafferrabile ribelle, con l'indole femminista delle eroine delle saghe, pronta a cadere in disgrazia pur di decidere per se stessa; Lui votato alla missione di raccogliere tutti i preziosi manoscritti dell'età antica, preservando la poesia con cui il suo popolo riscatterà l'onore perduto. Laxness racconta l'anima di un paese e la sua lunga lotta per l'indipendenza attraverso questi tre indomiti, memorabili personaggi, accomunati da un'ostinazione cieca, a un tempo epica e grottesca, che li eleva a grandi eroi tragicomici. Combinando humour e pathos romantico in una vivida ricostruzione storica che a tratti si popola di orchesse e rune magiche e si colora di leggenda, "la campana d'islanda" è il romanzo-monumento di una nazione, considerato tra i capolavori della letteratura nordica del novecento.