LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
AUTOBIOGRAFIA DI MIO PADRE

Si può raccontare la vita di un altro come se fosse la propria? È la sfida, paradossale e ambiziosa, che pierre pachet ha scelto di raccogliere nel ricostruire la voce di suo padre, simkha opatchevsky, per farne il narratore in prima persona di questo strabiliante romanzo che ci consegna, dal di dentro, la figura a tutto tondo di un esule ebreo del novecento. Dai pogrom di kishinev ai rastrellamenti nella parigi dell'occupazione, questo inaudito io narrante attraversa la storia d'europa, emigrando dall'agonizzante impero russo per approdare a una francia sconvolta da due guerre mondiali, il tutto anelando a poco più che all'incolumità sua e dei suoi, e alla dignità del proprio mestiere di medico...

Si può raccontare la vita di un altro come se fosse la propria? È la sfida, paradossale e ambiziosa, che pierre pachet ha scelto di raccogliere nel ricostruire la voce di suo padre, simkha opatchevsky, per farne il narratore in prima persona di questo strabiliante romanzo che ci consegna, dal di dentro, la figura a tutto tondo di un esule ebreo del novecento. Dai pogrom di kishinev ai rastrellamenti nella parigi dell'occupazione, questo inaudito io narrante attraversa la storia d'europa, emigrando dall'agonizzante impero russo per approdare a una francia sconvolta da due guerre mondiali, il tutto anelando a poco più che all'incolumità sua e dei suoi, e alla dignità del proprio mestiere di medico. Simkha, del resto, non ha la stoffa del protagonista, e il tono tragico non gli si addice. Eppure qualcosa di eroico ce l'ha, nella ritrosia che gli vieta gli abbandoni sentimentali, nel rigore intellettuale che ne fa un osservatore esattissimo, acuto conoscitore della psicologia umana e fustigatore degli psicologismi, costretto in tarda età a testimoniare con precisione da miniaturista il lento sgretolarsi delle proprie facoltà mentali