LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
IL CATALOGO DEI LIBRI NAUFRAGATI

Ci sono storie che a sentirle raccontare, o a leggerle, non sembrano vere; Il potere della loro fascinazione ci attrae, però, fino ad ammaliarci e a lasciarci senza fiato. La storia di fernando colombo, figlio naturale di cristoforo colombo, è una di queste...

Ci sono storie che a sentirle raccontare, o a leggerle, non sembrano vere; Il potere della loro fascinazione ci attrae, però, fino ad ammaliarci e a lasciarci senza fiato. La storia di fernando colombo, figlio naturale di cristoforo colombo, è una di queste: capace di irradiare meraviglia e stupore, e - al contempo - di ridisegnare la nostra conoscenza del mondo. Fernando colombo, cadetto illegittimo dello scopritore delle indie occidentali, ammiraglio e conquistatore dei regni oltre il grande mare oceano per conto della corona di spagna. Hernando colón, figlio bastardo, eppure profondamente amato, primo biografo di cristoforo, viaggiatore avventuroso egli stesso, che con le "historie della vita e dei fatti di cristoforo colombo" ci ha lasciato il resoconto delle alterne fortune dei quattro viaggi del padre nelle americhe. Fernando, lettore onnivoro e vorace, preso da bruciante passione per una nuova e dirompente invenzione, la stampa a caratteri mobili, che in pochi anni rivoluzionò il mondo, al pari delle scoperte geografiche paterne. Fernando, smanioso classificatore di ogni libro che sia mai stato stampato, raccoglitore di ogni foglio mai prodotto da un torchio, corrispondente di albrecht dürer, erasmo da rotterdam, aldo manuzio; Viaggiatore umanista ossessionato dal principio di catalogazione, perennemente in corsa - di città in città (siviglia, granada, toledo, londra, milano, venezia, strasburgo, colonia, magonza e così via) -, alla ricerca spasmodica e costante delle migliori e ultime novità: i libri più belli - magnifica perversione - curati al meglio, stampati coi caratteri più chiari e puliti, sulla carta più durevole, e nella confezione più raffinata. Fernando, compilatore di liste vertiginose, inventore della prima biblioteca universale, catalogo dei cataloghi, che contenesse tutto il sapere umano, concepita come una macchina viva, un organismo vivente, che respira, si ammala, perde i pezzi, guarisce e sopravvive. Fernando colombo e la sua biblioteca, monumento del rinascimento europeo; Fernando e i suoi libri che sono andati perduti, trafugati, bruciati, che sono persino naufragati, eppure hanno resistito e sono sopravvissuti fino a noi, fino ad oggi