LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
Il migliore amico dell'orso
NARRATIVA SCANDINAVA - MAGGIO 2008

Il bestiario di Paasilinna si arricchisce di una nuova presenza. Ma stavolta non è il grazioso animaletto di Vatanen, si tratta invece di una bestia feroce, di un abitante delle grandi foreste, un orso che, regalato cucciolo al pastore protestante Oskari Huuskonen per i suoi cinquant’anni, e da lui allevato, ne diventa il fedele compagno di avventure...

Il bestiario di Paasilinna si arricchisce di una nuova presenza. Ma stavolta non è il grazioso animaletto di Vatanen, si tratta invece di una bestia feroce, di un abitante delle grandi foreste, un orso che, regalato cucciolo al pastore protestante Oskari Huuskonen per i suoi cinquant’anni, e da lui allevato, ne diventa il fedele compagno di avventure, seguendo il reverendo nelle sue scorribande in giro per il mondo: dai ghiacci del Mar Bianco all’isola monastero di Solovki, fino al Mediterraneo e Malta. Più che un’odissea, è una fuga, dalle certezze dei dogmi religiosi, dalla gravezza della vita coniugale, dall’insensatezza della vita di provincia opprimente. Il vescovo lo mette in congedo, la moglie lo abbandona: e che altro potrebbero fare con un religioso cinquantenne che lancia dal pulpito sermoni idolatri (“Se Gesù fosse stato, diciamo, un rosso, come si potrebbe supporre in base alle sue inclinazioni politiche, sarebbe stato senza dubbio nominato sin dall’inizio dell’insurrezione ministro del governo rivoluzionario”), che si porta in chiesa un orso cui ha messo nome Satanasso, che passa un inverno in letargo dentro una tana con l’animale e una giovane etologa compiacente? Persa la fede nel Dio dei dogmi, il teologo Oskari Huuskonen si mette in ascolto delle stelle, in ascolto di messaggi provenienti da lontani mondi intelligenti, cercando risposte alle tante domande sulle verità rivelate. Paasilinna ritrova nelle vicende del pastore e del suo peloso Sancho Panza la migliore felicità creativa, passando dalla lieve invenzione picaresca di tante mirabolanti avventure alle interrogazioni filosofiche, sulla natura della fede, sulla natura dell’uomo e della bestia. Su quanto dell’uno c’è nell’altra. E viceversa.