LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
LE METAMORFOSI

Attribuita a un antonino liberale di cui non si ha alcuna notizia e allestita con ogni probabilità tra il ii e il iii secolo, questa silloge di racconti di metamorfosi ci è stata tramandata da un codice di heidelberg, il palatinus graecus 398. Il ricchissimo commento di sonia macrì e tommaso braccini ricostruisce con sapienza tutta la complessa rete mitografica, folklorica e antropologica che le fa da sfondo. «tifone inseguì gli dèi, incalzandoli. Essi però gli sfuggirono, avendo la precauzione di mutare il proprio sembiante in quello di animali. E così, apollo divenne uno sparviere, ermes un ibis, ares un pesce lepidoto, artemide un gatto, dioniso a sua volta si rese simile a un capro, eracle a un cerbiatto, efesto a un bue, leto a un toporagno e ciascuno degli altri dèi cambiò aspetto nel modo in cui riuscì. Quando, poi, zeus colpì tifone con un fulmine, quello, consumato dal fuoco, si nascose nel mare e lì spense le fiamme. Zeus, però, non lo lasciò andare, ma gettò su tifone il gigantesco monte etna e sulla sua cima pose efesto, come guardiano. Quest'ultimo, dopo aver fissato le incudini sul collo di tifone, lavora la massa di metallo rovente»...

Attribuita a un antonino liberale di cui non si ha alcuna notizia e allestita con ogni probabilità tra il ii e il iii secolo, questa silloge di racconti di metamorfosi ci è stata tramandata da un codice di heidelberg, il palatinus graecus 398. Il ricchissimo commento di sonia macrì e tommaso braccini ricostruisce con sapienza tutta la complessa rete mitografica, folklorica e antropologica che le fa da sfondo. «tifone inseguì gli dèi, incalzandoli. Essi però gli sfuggirono, avendo la precauzione di mutare il proprio sembiante in quello di animali. E così, apollo divenne uno sparviere, ermes un ibis, ares un pesce lepidoto, artemide un gatto, dioniso a sua volta si rese simile a un capro, eracle a un cerbiatto, efesto a un bue, leto a un toporagno e ciascuno degli altri dèi cambiò aspetto nel modo in cui riuscì. Quando, poi, zeus colpì tifone con un fulmine, quello, consumato dal fuoco, si nascose nel mare e lì spense le fiamme. Zeus, però, non lo lasciò andare, ma gettò su tifone il gigantesco monte etna e sulla sua cima pose efesto, come guardiano. Quest'ultimo, dopo aver fissato le incudini sul collo di tifone, lavora la massa di metallo rovente». Nel mito greco era plausibile che uomini e donne potessero trasformarsi in animali, piante e rocce. Era l'ultima propaggine del regno della metamorfosi. E l'ultimo cantore di quelle storie fu ovidio. Prima di lui e accanto a lui era fiorita su quei temi una intera letteratura, che il tempo ha sommerso. Ma almeno un prezioso relitto si è salvato: queste metamorfosi di antonino liberale, che per alcune vicende sono una fonte unica e indispensabile e vanno poste accanto agli scritti di apollodoro e di igino come testimonianza di ciò che fu l'antica mitografia.