LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
PRIMA DELL'ALBA

Alle 6,30 del 27 febbraio 1931 il trillo violento del duplex manda all'aria uno dei sogni più belli, con tanto di fiammante fiat 521 coupé, fatti dall'ispettore ottaviano malossi, 32 anni, sposato da cinque, ufficiale della polizia di stato nella questura centrale di firenze. Dall'altro capo del telefono il collega vannucci gli dice che è atteso alla stazione dagli agenti della ferroviaria... Con una certa urgenza, visto che c'è di mezzo un morto. Il tempo di trangugiare l'orzo riscaldato dalla sera prima nel buio del cucinino, salutare la moglie, inforcare la bicicletta, che malossi si ritrova al cospetto degli agenti e poi su un treno diretto a calenzano dove...

Alle 6,30 del 27 febbraio 1931 il trillo violento del duplex manda all'aria uno dei sogni più belli, con tanto di fiammante fiat 521 coupé, fatti dall'ispettore ottaviano malossi, 32 anni, sposato da cinque, ufficiale della polizia di stato nella questura centrale di firenze. Dall'altro capo del telefono il collega vannucci gli dice che è atteso alla stazione dagli agenti della ferroviaria... Con una certa urgenza, visto che c'è di mezzo un morto. Il tempo di trangugiare l'orzo riscaldato dalla sera prima nel buio del cucinino, salutare la moglie, inforcare la bicicletta, che malossi si ritrova al cospetto degli agenti e poi su un treno diretto a calenzano dove, riverso sulla massicciata, sul lato esterno della linea che scende da prato, giace il cadavere del morto in questione. Vestito in maniera seria ed elegante, il morto porta i chiari segni di una caduta: tracce di polvere biancastra sulla schiena, uno strappo alla cucitura della manica sinistra, un altro strappo all'altezza del ginocchio destro. Il volto è quello di un uomo anziano e ben curato, capigliatura candida, pizzo lungo e folto. Gli uomini accorsi per primi sul posto lo guardano con un'espressione di timore mista a reverenza...