LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
A COSA SERVONO I DESIDERI

‘Non c’è vento a favore per il marinaio che non sa dove andare’. Non si può essere veramente felici se non capiamo qual è la nostra natura, chi siamo e cosa vogliamo veramente. Solo in questo modo possiamo far sì che ogni nostra scelta sia fatta in nome nostro, e non per compiacere qualche persona o qualche convenzione. Ma come si fa a trovare il nostro capolavoro nascosto dentro il marmo (sono convinto che ciascuno di noi ne ha uno), come fece Michelangelo con la Pietà? Nella mia esperienza, ci sono riuscito grazie a una serie di domande. Ogni interrogativo era come un colpo di scalpello. In questo libro ho voluto raccogliere questi interrogativi, appuntati durante gli anni nei miei vari taccuini. Nella speranza e nell’augurio che aiutino voi come hanno aiutato me...

‘Non c’è vento a favore per il marinaio che non sa dove andare’. Non si può essere veramente felici se non capiamo qual è la nostra natura, chi siamo e cosa vogliamo veramente. Solo in questo modo possiamo far sì che ogni nostra scelta sia fatta in nome nostro, e non per compiacere qualche persona o qualche convenzione. Ma come si fa a trovare il nostro capolavoro nascosto dentro il marmo (sono convinto che ciascuno di noi ne ha uno), come fece Michelangelo con la Pietà? Nella mia esperienza, ci sono riuscito grazie a una serie di domande. Ogni interrogativo era come un colpo di scalpello. In questo libro ho voluto raccogliere questi interrogativi, appuntati durante gli anni nei miei vari taccuini. Nella speranza e nell’augurio che aiutino voi come hanno aiutato me.” 

Lo scrittore italiano più amato torna a sorprenderci. La sua nuova opera non è un romanzo, ma ha lo stesso sapore, la stessa verità, la stessa forza emotiva dei suoi bestseller più amati. Forse, in un certo senso, è il negativo dei suoi romanzi, lo stampo che ha dato loro forma. Il libro, introdotto da una lunga riflessione autobiografica sulla ricerca della propria strada e del proprio “posto nel mondo”, è una raccolta di domande spiazzanti, spietate, illuminanti. Un piccolo libro di grande ispirazione.