LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
SOLI E PERDUTI

Moshe Ben Zuk èl braccio destro del sindaco della Città dei Giusti in Israele. Intristito dal rimpianto di essersi lasciato sfuggire l'amore della selvaggia e bellissima Ayelet, Moshe trova rifugio nel lavoro. Quando Jeremiah Mendelstrum, un ricco ebreo americano, chiede il permesso di costruire un mikveh (la sala da bagno che, nell'ebraismo, è destinata alle cerimonie di purificazione) in cambio di una cospicua donazione, Moshe trova il luogo giusto dove edificarlo: il quartiere Siberia, dove un gruppo di immigrati russi vive nel rispetto dei suoi antichi usi e costumi. In una irresistibile commedia degli equivoci...

Moshe Ben Zuk èl braccio destro del sindaco della Città dei Giusti in Israele. Intristito dal rimpianto di essersi lasciato sfuggire l'amore della selvaggia e bellissima Ayelet, Moshe trova rifugio nel lavoro. Quando Jeremiah Mendelstrum, un ricco ebreo americano, chiede il permesso di costruire un mikveh (la sala da bagno che, nell'ebraismo, è destinata alle cerimonie di purificazione) in cambio di una cospicua donazione, Moshe trova il luogo giusto dove edificarlo: il quartiere Siberia, dove un gruppo di immigrati russi vive nel rispetto dei suoi antichi usi e costumi. In una irresistibile commedia degli equivoci generata da eventi inaspettati, il mikveh si rivela miracoloso per ragioni tutt'altro che pure e immacolate. Naim, l'imprenditore che segue i lavori, viene arrestato perché sospettato di puntare il suo binocolo da birdwatching su una base dei servizi segreti. I russi del quartiere scambiano la costruzione per un club di scacchi. Preso da strano fervore, Moshe decide di portare a termine personalmente il bagno ma, lavorando al sacro edificio, avverte una inaspettata passione erotica che, quasi magicamente, impregna i muri del mikveh e si propaga a chiunque si immerga nelle sue acque. Ad Anton e Katia, una coppia russa in crisi; alla bella e selvaggia Ayelet, che fa la sua ricomparsa inattesa; e anche al ricco americano ebreo arrivato per la cerimonia d'inaugurazione, che viene colto da malore non appena intuisce che quel luogo è tutt'altro che un tempio della purezza.