LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
Un americano a Parigi - Le scelte e gli errori di Sarkozy
ATTUALITA' - APRILE 2009

Dispotico come Napoleone, succube della politica americana, incline alla demagogia: su Nicolas Sarkozy si è detto di tutto. Nessuno però può negare che ha saputo riportare la Francia al centro della scena internazionale, restituendo ai suoi elettori antichi sogni di grandeur. Ma che cosa ha fatto in concreto? Per primo ha avuto il coraggio di rinnovare il volto della...

Dispotico come Napoleone, succube della politica americana, incline alla demagogia: su Nicolas Sarkozy si è detto di tutto. Nessuno però può negare che ha saputo riportare la Francia al centro della scena internazionale, restituendo ai suoi elettori antichi sogni di grandeur. Ma che cosa ha fatto in concreto? Per primo ha avuto il coraggio di rinnovare il volto della politica nazionale, circondandosi di personaggi-simbolo come Rachida Dati e il cofondatore di Medici senza frontiere Bernard Kouchner, ma i fatti hanno dimostrato che scegliere politici alle prime armi permette anche di manipolarli meglio e, all'occasione, di liberarsene senza difficoltà. Ha adottato misure repressive contro le sommosse delle banlieues e ha imposto severe restrizioni alle frontiere, pur essendo lui stesso un parvenu della politica, figlio di un immigrato. Dal tormentato divorzio al matrimonio-lampo con Carla Bruni, dall'ostentazione del lusso alla cura dell'estetica, ha fatto della propria vita privata uno spettacolo che appare spesso inappropriato, ma che in fondo non si discosta troppo dalla tradizione dei grandi monarchi francesi. Dunque, si chiede Colombani, Sarkozy è soltanto un governante improvvisato e ambizioso come sostengono i suoi detrattori? O ha scovato un modo del tutto inedito di conciliare il protagonismo assolutista ancien regime e la personalizzazione senza deroghe della politica americana?