LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
L'inferno peggiore
THRILLER - FEBBRAIO 2009

Per il giudice Alessandro Maniero quella nuova indagine è una vera scocciatura.
Alla sua età, ormai, restare a Cagliari nel mese di agosto è inaccettabile e quei due morti nella villa del tedesco proprio non ci volevano. La scena del crimine, composta da due uomini, Paulus Saint Paul de L’Aire, il padrone di casa, e Gino, il suo autista, seduti compostamente ...

Per il giudice Alessandro Maniero quella nuova indagine è una vera scocciatura.
Alla sua età, ormai, restare a Cagliari nel mese di agosto è inaccettabile e quei due morti nella villa del tedesco proprio non ci volevano. La scena del crimine, composta da due uomini, Paulus Saint Paul de L’Aire, il padrone di casa, e Gino, il suo autista, seduti compostamente di fronte a uno splendido quadro, morti probabilmente per avvelenamento, fa pensare a un suicidio, cosa che velocizzerebbe sicuramente la soluzione delle indagini e l’inizio delle tanto agognate vacanze. Purtroppo, però, ci sono quell’armadio distrutto a colpi d’ascia, quel quadro che non è inventariato negli archivi di Saint Paul, noto mercante d’arte, e quella donna, la Zina, governante della villa, che pare troppo sconvolta per essere estranea ai fatti.
Sarà una lunga estate quella che porterà Maniero a scoprire il morboso legame che univa i due uomini alla Zina, il motivo degli strani viaggi dell’autista sul continente e un segreto nel passato apparentemente cristallino di Saint Paul, risalente alla Berlino di Hitler.
E il filo rosso sarà sempre quel maledetto quadro.