LIBRERIA

La storia della libreria Tarantola inizia con Alfredo, considerato uno dei capostipiti di quelle famiglie pontremolesi che dalla Toscana si mossero, contribuendo alla diffusione del libro in Italia. Furono in molti a varcare il Passo della Cisa, girovagando per il Paese a vendere testi e volumi contenuti in capienti gerle di legno appese alle spalle. Durante il periodo della carboneria i libri così distribuiti vennero a rappresentare preziose custodie di volantini inseriti fra le pagine [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
NOVITÀ
HOME
PRESENTAZIONE DEL LIBRO

VENERDI' 16 NOVEMBRE,
ALLE ORE 18
PRESENTAZIONE DEL LIBRO
"UN LUOGO PERFETTO... O QUASI"
DI FRANCA BRIANZA
MARCOSERRATARANTOLAEDITORE

 
All’incontro dialogheranno con l’autrice
 Luca Saccaro Rebecca Schiano.

 

I luoghi hanno memoria. 
Ma, se ce l’hanno, è perché qualcuno a un certo punto del tempo ha deciso di scriverne.
Non c’è altro modo: i posti, i paesi non sono tali se non vengono raccontati da chi li ha vissuti. 
E la memoria stessa acquista significato quando, con la forza delle parole, si rifiuta di lasciare cadere nell’oblio storie, persone, epoche piccole e grandi, e fa l’unica cosa che conti davvero: tramanda.
Franca Brianza è tornata al passato per dire a noi, nel presente, che non tutti i semi piantati decenni or sono hanno smesso di germogliare. Che storia e memoria sono sovrapponibili solo fino ad un certo punto. E che, io credo, senza la seconda, la prima sarebbe solo una cosa sterile, un semplice segno del tempo che passa. 
Prosa e poesia, per ricordare e farci ricordare. 
Luca Saccaro
 

Nel racconto si manifesta, via via, il legame indissolubile che unisce l’autrice al luogo e al tempo della sua infanzia e della sua giovinezza.
Le atmosfere d’antan, i personaggi incastonati nelle vicende del paese – con i loro vizi e le loro virtù – rappresentano quello che, per la stessa, è diventato il luogo dell’anima.
La semplicità della narrazione conquista il lettore, senza mai annoiarlo. 
Rebecca Schiano


Franca Brianza nata nel 1942 a Ospitaletto (BS), si traferisce presto a Brescia. Èinsegnante di scuola elementare, ora in pensione. Ultimamente si diletta a scrivere in italiano e in dialetto bresciano. In dialetto ha pubblicato due libri di versi, “Ridòm Ensèma” e “Cunfidense e Spetegulès”, e in italiano “Rime viaggianti”, memorie di viaggio, e la raccolta di poesie “E se provassimo a volare?” Piccole confidenze di una donna del secolo passato”. Èstata due volte finalista al concorso nazionale per poesie e racconti “La Tavolozza”. Ama intrattenere con letture varie gli anziani ospiti nelle case di riposo. È innamorata della vita.



Approfondimento: https://www.facebook.com/events/488138115007326/