CASA EDITRICE

La piccola editoria cosiddetta perché nasce e si sviluppa in realtà culturali circoscritte, fonda la propria attività sulla disponibilità a seguire passo passo la creazione di opere letterarie a caratterizzazione varia (libri di narrativa e poesia, ristampe anastatiche e volumi d'arte). Vedono la luce, in tal modo, creazioni che acquistano un significato piú specifico nel contesto provinciale o regionale in cui originano e vengono principalmente distribuiti [...]


CONTATTI
SERVIZI
STORIA
CATALOGO
HOME
Quando Abele scagliò la prima pietra
Matteo Bolli

Anno: 2015
Pagine: 544
ISBN: 9788867771226
Stato: Disponibile

€ 20,00
>

“Quando Abele scagliò la prima pietra” è un thriller politico che nasce, cresce e si evolve attorno alla figura del suo personaggio principale, l’agente federale Marley Dempsey, un quarantenne pluridecorato ex Maggiore della U.S. Army dotato di una mente sopraffina che gli consente di vedere il mondo come nessun altro è in grado di fare. Ma la sua più grande abilità è quella di riuscire a concentrarsi in una maniera tanto intensa, da essere in grado di estraniarsi dalla realtà, al fine di scrutare dettagli che nessun altro è in grado di cogliere. Dempsey è la storia del libro. E il libro è un po’ la storia di ognuno di noi. Comprendere Dempsey diviene pertanto un passaggio cruciale per comprendere, in buona parte, noi stessi. Sull’onda di questo fine, diviene utile concentrare l’attenzione anche su un altro personaggio: Cristopher Delay, l’uomo a cui sparano al termine del prologo e la cui lotta tra la vita e la morte accompagnerà Dempsey nel corso della storia. Durante lo svolgimento delle indagini, il capoagente Dempsey avvierà una corsa contro il tempo che farà emergere le instabili basi di un sistema corrotto e privo di ideali.

VEDI ANCHE

Marta
2004
9788888507491

€ 15,00

Dante Bresciano
1991
9788888507125

€ 55,00

La nascita
2013
9788867770182

€ 14,00

Donna del lago
2009
9788895839271

€ 15,00

Trapassanti
2011
9788897107750

€ 15,00